LA-EX-MI-AMA-ANCORA

Come capire se l’ex ti ama ancora? Non è facile comprendere se dopo una “rottura” di una storia d’amore l’ex partner è ancora innamorata o il suo cuore batte già per un altro. Neppure gli studi e le ricerche condotte da psicoterapeuti sono state in grado di pervenire ad una risposta univoca e generalizzabile.

Tuttavia, esistono dei segnali che possiamo notare per comprendere se effetivamente la nostra ex ci ama ancora. Vediamoli insieme.

Segnali per capire se l’ex ti ama ancora

SEGNALI-PER-CAPIRE-SE-L’EX-MI-AMA-ANCORA

Molti ex partner dopo la rottura della relazione d’amore o dopo essere stati traditi vivono una situazione di confusione e di incapacità ad interpretare i propri sentimenti e le proprie emozioni.

Ma in fin dei conti, se c’è stato un sentimento d’amore profondo, è possibile che l’ex provi ancora qualcosa, anche nel caso in cui sia stata tradita (questa è l’eventualità più difficile da trattare ma non impossibile).

Se il sentimento è ancora presente anche se seppellito dalle problematiche di coppia e dai rancori, non è detto che alla fine non si riesca a “ricucire” una relazione d’amore finita: “si può tentare un riavvicinamento, ma non è detto che si torni definitivamente insieme”, suggeriscono gli esperti della vita di coppia questo dovete ricordarlo sempre per non restare delusi.

Ma andiamo al sodo elencando i segnali positivi.

1. La rabbia come segnale d’amore

Ogni volta che ti incontra si arrabbia, non ti vuole parlare e sembra che ti odi: ciò non significa che non ti ami. L’amore non esclude la rabbia, le emozioni positive possono convivere con quelle negative”, affermano la quasi toatlità degli psicologi.

Sarebbe molto più grave che l’ex fosse del tutto indifferente: “se un ex mostra un qualsiasi tipo di emozione negativa nei tuoi confronti, allora significa che c’è ancora qualche sentimento profondo d’amore che nutre nei tuoi confronti”.

Nel caso in cui l’ex mostri rabbia e atteggiamenti di fastidio e di antipatia, può essere considerato un buon segnale anche se spesso e volentieri le conversazioni come potete immaginare sono poco amichevoli.

Al contrario per capire se l’ex ti ama ancora, si deve prestare la dovuta attenzione ai segnali di indifferenza dato che “sono sintomatici di un distacco troppo profondo”.

Che fare se quando interloquisci e l’ex si arrabbia? Cerca di lasciarle il giusto spazio affinché le emozioni negative “vengano meno” ed il tempo “stemperi” la rabbia ed il dolore.

Sarebbe il caso di evitare ogni forma di contatto personale, via sms e via chat: basta un mese per lasciare calmare le acque, alla fine se ci sarà un minimo di sentimento, l’ex sarà disponibile a riconsiderare la sua decisione.

Da un punto di vista statistico, in un arco temporale di circa 30/40 giorni, la rabbia e le emozioni negative “scemeranno” e la ragione sarà sopraffatta dal sentimento.

Trascorso questo lasso quindi, è probabile che l’ex si rifaccia viva e tenti un contatto fisico o “virtuale” che voi dovrete cogliere al volo.

Ricordiamo quindi che il tempo “stempera l’amarezza e i sentimenti di rancore, di rabbia e di sfiducia che si nutre nei confronti di una persona, anche se questa ci ha tradito e ferito per un’altra persona”.

2. La Gelosia

GELOSIA

Un altro segnale palese e ricorrente è quello della gelosia: “se l’ex nutre ancora qualche sentimento d’amore nei tuoi confronti, molto probabilmente te lo dimostrerà facendoti ingelosire”.

Ci sono diversi trucchi e modi per fare ingelosire un’ex: postare una foto su Facebook con altre nuove “pretendenti al trono” ed uscire a cena o andare al cinema con un’altra persona.

Ciò accade soprattutto nelle storie conflittuali ovvero in tutte quelle love stories che sono terminate con un tradimento o negativamente.

Le parole, a volte, feriscono di più delle azioni e comportamenti”, sottolineano e fanno notare la maggior parte degli esperti terapisti di coppia.

Le relazioni d’amore che falliscono, nella maggior parte dei casi, celano risentimenti negativi che si accumulano nel tempo: il non comunicare o il fare finta di niente cagionano un accumulo di rabbia che viene esternato solo nel momento di “rottura” della relazione e dopo la fine della storia”.

Sebbene l’atteggiamento di provocare l’ex sia considerato dagli psicologi come un “mero atto di immaturità”, alla fine è un segnale positivo.

L’importante è saper riconoscere quando si tratta di comportamenti volti a fare ingelosire l’ex perché ancora si ama dai casi in cui l’intenzione non è quella di fare ingelosire ma di punire.

Il baciare una persona in pubblico o il regalare un anello d’oro non possono essere considerati meri atteggiamenti per fare ingelosire l’altro, ma possono nascondere qualcosa di più profondo.

Che fare in questa situazione? Probabilmemte è meglio lasciar perdere e andare avanti con la propria vita.

3. Quando ti contatta nei momenti “difficili”

Se la tua ex ti chiama quando è ubriaca, allora è un chiaro segnale che ti ama ancora”, è un pensiero molto comune ed altrettanto veritiero.

I momenti di debolezza e di difficoltà sono quelli che spingono l’ex a chiedere aiuto alle persone di cui hanno maggiormente fiducia, per questo è importante essere presenti se ancora si prova un sentimento d’amore.

Occorre dimostrare il proprio sentimento d’amore nella “buona sorte e nei momenti di difficoltà”: è questo un valido “banco di prova” per capire se la persona è empatica e prova emozioni positive e profonde.